Consigli per un buon espresso

Macchina espresso

Consumo
  Faq
Il macinino non macina
Macchina espresso. Non esce acqua dal gruppo
Macchina espresso. L’acqua in caldaia è marrone o sporca
Macchina espresso. Al mattino la macchina è fredda
Macchina espresso. La macchina elettronica non funziona
 
 

Consigli per un buon espresso

Il termine espresso significa "fatto al momento" e sottolinea l’estrazione rapida del caffè sottopressione da cui si ottiene una bevanda concentrata, dal gusto e dall’aroma intensi. Un buon espresso è caratterizzato da:

Crema

È l’icona del caffè espresso che lo contraddistingue dalle altre preparazioni ed è il risultato dell’emulsione tra gli oli del caffè e l’anidride carbonica che avviene durante l’estrazione all’interno della coppa del portafiltro grazie alla pressione elevata. La crema ideale è compatta, persistente e di color nocciola. La compattezza della crema si ottiene con il preriscaldamento della tazzina a 35-40 gradi centigradi. Non deve essere schiumosa, labile o di colore troppo chiaro (indice di sott'estrazione del caffè) o troppo scuro (indice al contrario di sovraestrazione).

Corpo
È la sensazione di pienezza che si ottiene al palato. Deriva dall’emulsione oleosa e dalla presenza di minuscole particelle in sospensione.

Aroma
È l’intensità dell’espresso dovuta alla concentrazione di aromi in una piccola quantità di bevanda.
Un buon espresso è la giusta combinazione dei 4 fattori M: Miscela, Macinatura, Macchina Espresso e Manualità dell’operatore. Il barista con la sua esperienza e professionalità sceglie la miscela di qualità e con il giusto grado di macinatura e l’utilizzo di una macchina professionale prepara un espresso a regola d’arte.

Miscela
La miscela è una vera e propria opera d’arte. Kaffa sceglie e dosa nelle giuste proporzioni gusto, aroma e corpo dei caffè più pregiati, affinché si completino armoniosamente tra loro.

Macinatura
È una operazione fondamentale. Un caffè macinato troppo grosso diventa meno solubile e l’acqua scorre senza estrarne tutto l’aroma ed il sapore; se macinato troppo fine da origine ad un infuso troppo forte o addirittura bruciato.
Il macinino va perciò regolato in modo che una dose normale di macinato (6,5 grammi) per un espresso normale (25/30 milligrammi) vanga estratta in 25/30 secondi.

Se il tempo di estrazione supera i 30 secondi (caffè sovraestratto) è necessario allentare la macinatura; se è inferiore ai 20 secondi (caffè sottoestratto) occorre al contrario stringere la macinatura per rallentare il flusso di acqua che passa attraverso il caffè.

Essendo il caffè sensibile alla umidità occorre variare il grado di macinatura a seconda del grado di umidità dell’aria. Nelle giornate piovose, quando l’umidità aumenta, bisognerà regolare la macinatrice su una misura “più grossa” del normale; al contrario nelle giornate ventose o di aria secca, la macinatura dovrà essere più fine.

Sia la campana che il dosatore del caffè vanno puliti periodicamente.

Incrostazioni di caffè sulle pale del dosato causano scompensi nelle dosi e residui di grasso e di oli che possono portare all’irrancidimento del caffè.

Il controllo del dosatore va fatto periodicamente battendo almeno dieci dosi e controllando che la media corrisponda alla dose base.

Un altro consiglio è quello di mantenere nel dosatore un minimo quantitativo di polvere per avere sempre caffè macinato di fresco evitando di perdere parte degli aromi.

Infine è importante sostituire le macine quando il caffè appena macinato risulta tiepido, troppo polveroso o quando i fondi restano bagnati. In genere la sostituzione delle macine dovrebbe avvenire dopo la macinazione di 400 chilogrammi per quelle piatte, dopo 1.200 chilogrammi per quelle coniche.

  Macchina espresso

Operazioni e controlli di inizio servizio

La temperatura dell’acqua per infusione deve essere tra gli 85 e i 92 gradi.

La pressione in caldaia deve essere tra 1,2 e 1,4 bars per la macchine a leva, tra 1 e 1,2 bars per la macchine idrauliche ad erogazione continua.

La pressione alla pompa centrifuga deve essere di 9 atmosfere.

Controllare lo stato delle guarnizioni in modo da evitare perdite d’acqua tra gruppo e porta filtro.

Verificare la condizione delle docciette, pulendo eventuali incrostazioni o sostituendole.

Controllare che i fori dei filtri siano perfettamente liberi.

Filtri e porta filtri devono essere lavati con una spugna dopo essere stati messi a bagno in acqua calda la sera prima.

Prima di cominciare il servizio far fuoriuscire il vapore dalla lancia e l’acqua dai gruppi erogatori in modo da scaldarli perfettamente.

Operazioni durante il servizio

La pressatura del macinato deve corrispondere a circa 20 chilogrammi.

Utilizzare sempre tazzine calde (circa 40 gradi) ed asciutte stivate capovolte sullo scaldatazze.

Pulire frequentemente il piano poggia tazze e le lance del vapore per prevenire incrostazioni.

Verificare il perfetto stato del rivestimento in plastica del cassetto battifondi

Operazioni di fine servizio

Pulire le lance del vapore con acqua calda griglia porta tazzine e la vasca di raccolta con acqua calda.

Pulire i gruppi erogatori con il filtro cieco.

Pulire le doccette e le guarnizioni con uno spazzolino a setole in teflon.

Mettere a bagno nell’acqua filtri e porta filtri. Il mattino seguente pulirli con una spugna.



Consumo

Essendo l’espresso più instabile di altri metodi di preparazione il cliente dovrebbe consumare il caffè entro due minuti dalla preparazione ad una temperatura di circa 60 gradi centigradi . Il raffreddamento della bevanda disgrega la crema ed accentua l’amarezza e l’acidità.

 

 
 
Faq
Domande e risposte alle problematiche più frequenti.

Se nessuna delle indicazioni fornite nelle risposte alle varie domande risolve il problema, contattare l’assistenza.

Il macinino non macina
Macchina espresso. Non esce acqua dal gruppo
Macchina espresso. L’acqua in caldaia è marrone o sporca
Macchina espresso. Al mattino la macchina è fredda
Macchina espresso. La macchina elettronica non funziona


Il macinino non macina

1)
Verificare che ci sia corrente e che la spina sia ben inserita nella presa.

2) Verificare che l’interruttore sia acceso.

3) Verificare che la campana sia aperta.

4) Verificare se il macinino è molto caldo; in tal caso spegnere, lasciare raffreddare per circa 6 minuti. Quindi segnare con un pennarello sulla ghiera il punto di macinatura utilizzato e allargare la macina di 4 o 5 punti. Riaccendere il macinino; se parte riportare la macinatrice al punto segnato con il pennarello, altrimenti allargare ancora (sino ad un massimo di due giri di ghiera) sino a quando non riparte.
Torna a Faq


Macchina espresso. Non esce acqua dal gruppo

1)
Verificare che la serranda dell’acqua sia aperta.

2) Verificare che nel condominio non siano in corso lavori che coinvolgono, direttamente o indirettamente, le condotte idriche.
Torna a Faq


Macchina espresso. L’acqua in caldaia è marrone o sporca

La macchina può essere utilizzata per qualche ora poiché l’acqua erogata per il caffè passa direttamente attraverso uno scambiatore all’interno della caldaia al gruppo di estrazione quindi il caffè non risulterà alterato.

Non utilizzare l’acqua dal rubinetto di prelievo per fare the o altre bevande poiché risulterebbe alterata.

Se non produce cattivi odori, il rubinetto del vapore può essere utilizzato con molta cautela sfiatandolo bene ogni volta.

Appena possibile effettuare la seguente operazione:
- spegnere la macchina per evitare di bruciare la resistenza all’interno della caldaia, quindi:

- aprire il rubinetto di scarico dell’acqua sino a completo svuotamento;

- riaccendere la macchina e riempirla nuovamente di acqua (per farla scaldare più velocemente aprire il rubinetto del vapore);

- ripetere l’operazione sino a che l’acqua non torna pulita.
Torna a Faq


Macchina espresso. Al mattino la macchina è fredda

1)
Verificare che ci sia corrente e che la spina sia ben inserita nella presa.

2) Verificare che l’interruttore sia acceso. L’interruttore ha tre posizioni:

0 = spenta
1 = accensione di servizio. La macchina sembra accesa ma la resistenza non scalda (questa funzione serve esclusivamente per la manutenzione)
2 = accensione di utilizzo. La macchina deve sempre rimanere in questa posizione.
Torna a Faq


Macchina espresso. La macchina elettronica non funziona

Contattare l'assistenza. Fino all’arrivo dell’assistenza utilizzare gli interruttori manuali per continuare il lavoro.
Torna a Faq
 
 

KAFFABAR di Fini Alma & c. s.n.c.
Strada Antica di Grugliasco, 111 - 10095 GRUGLIASCO - TORINO - ITALIA
P.IVA/C.F. 04923370011
tel. +39 011.411.32.93 - fax +39 011.403.77.92
kaffabar@kaffabar.191.it

 
 
l'azienda - dove siamo - produzione e materie prime - prodotti - servizi - consigli - ordini - news